Dacia Maraini è nata il 13 Novembre 1936 a Fiesole. La scrittrice italiana è figlia della principessa siciliana Topazia Alliata di Salaparuta, una artista e commerciante di opere d’arte, e di Fosco Maraini, un antropologo ed esploratore fiorentino con ascendenza ticinese, inglese e polacca, autore di opere in particolare su Tibet e Giappone.
Gli scritti  della Maraini, che consistono in numerosi romanzi ed opere teatrali, mettono a fuoco le problematiche relative al mondo femminile. Numerosi i riconoscimenti da lei ottenuti per le sue opere, tra cui il  Formentor Prize per L'età del malessere (1963); il Premio Fregene per Isolina (1985); il Premio Campiello ed il riconoscimento Libro dell’Anno per La lunga vita di Marianna Ucrìa (1990); ed il  Premio Strega per Buio (1999). Nel 2013, il documentario “Sono nata viaggiando” ha ritratto la storia della sua prigionia in un campo di concentramento in Giappone ed i viaggi leggendari in tutto il mondo con il compagno Alberto Moravia, l’amico regista Pier Paolo Pasolini e la cantante d’opera Maria Callas.

Sebbene la Maraini dichiari di essere una femminista solo perché sempre dalla parte delle donne, la maggior parte dell’opera della scrittrice è stata classificata come tale. La natura dei suoi scritti cambia in linea col mutamento della posizione delle donne nella società italiana e l’autrice denuncia l’uso e l’abuso di potere ed il suo effetto sulle donne. I lavori progressisti della Maraini  hanno contribuito al mutamento dell’idea tradizionale che le donne dovessero solo assolvere al loro ruolo in ambito  domestico.

Il 18 maggio 2017, 500 studenti del Liceo Seguenza hanno incontrato Dacia Maraini, scrittrice di successo e vincitrice di numerosi riconoscimenti, nell’Aula Magna dell’Università di Messina. All’evento, moderato dalla Dirigente Scolastica del Liceo, dott.ssa Lilia Leonardi, sono intervenuti il Sindaco della città metropolitana, prof. Renato Accorinti e numerosi rappresentanti dell’ambito istituzionale messinese. 
La sig.ra Maraini ha risposto alle domande degli studenti, incoraggiandoli a leggere e a tuffarsi nel mondo della scrittura creativa. “Non sarete mai in grado di scrivere se non sarete avidi lettori prima” ha confidato agli studenti.
Quando le è stato chiesto quali fossero le sue letture preferite da bambina, la sig.ra Maraini ha confessato che non vi erano libri nel campo di concentramento giapponese dove era prigioniera con la sua famiglia. Citando il romanzo di Ray Bradbury “Fahrenheit 451”, ha rivelato che suo padre e sua madre erano “uomini libro”: ha conosciuto “Pinocchio” grazie al racconto del papà, e le fiabe dei fratelli Grimm le sono divenute familiari grazie alla mamma.
Gli studenti sono stati profondamente colpiti dal carisma e dalla forte personalità della sig.ra Maraini ed al termine dell’incontro si sono a lungo soffermati per fare autografare dalla scrittrice la loro copia di “Bagheria” ,di  “La lunga storia di Marianna Ucria” e di “La bambina ed il sognatore” 


 

 

Il 7 Marzo 2017, gli studenti del liceo " Seguenza", divisi in tre diverse squadre, hanno partecipato ad un gioco divertente e coinvolgente basato sulla loro conoscenza dei romanzi e degli  autori. Dopo aver letto alcune favole dei Fratelli Grimm, hanno risposto a domande su eventi e personaggi presenti in tali opere. Gli studenti hanno mostrato grande entusiasmo e notevole interesse durante il gioco,  divertendosi e trascorrendo una piacevole giornata. Le attività previste per il gioco sono state liberamente ispirate al format televisivo di "Per un pugno di libri"

 

Guarda il video qui

 

Alcuni giochi

  1. Dal libro al personaggio … dal personaggio al libro

Il conduttore del gioco legge 10 brevi passi che contengono descrizioni relative ai protagonisti dei romanzi maggiormente noti agli studenti.

Gli studenti, divisi in tre squadre, dovranno individuare il personaggio cui si riferisce il brano e collocarlo nella “sua” opera.

2) Dal libro all’autore

Il conduttore del gioco legge il titolo dei romanzi maggiormente noti agli studenti.

Gli studenti, divisi in tre squadre, dovranno individuarne l’autore.

3) Dentro il racconto

Il conduttore del gioco leggerà 10 domande sui testi scelti.

Gli studenti, divisi in tre squadre, dovranno dare la risposta corretta.

4) Chi sono?

Il conduttore del gioco leggerà 3/5 domande sugli autori.

Gli studenti, divisi in tre squadre, dovranno dare la risposta corretta.

5) C’era una volta … la fiaba

Il conduttore del gioco leggerà 9 affermazioni sul genere letterario della fiaba.

Gli studenti, divisi in tre squadre, dovranno dire se sono vere o false.

In questa occasione é stato dato l'avvio all'iniziativa  Permanent Book Market Stall: gli studenti hanno messo a disposizione dei loro compagni romanzi  di cui vogliono desiderano condividere la lettura

I ragazzi del Liceo " Seguenza" hanno  partecipato ad un progetto organizzato dalla biblioteca regionale: esso  ha coinvolto diverse scuole tra cui Maurolico, La Farina, Ainis, Bisazza, Archimede. Ad ogni scuola è stata affidata una città siciliana: i nostri studenti lavoreranno sulla città di   Catania. I ragazzi hanno assistito dall'inizio dell'anno scolastico ad ora a diverse conferenze sull'arte, sull'enogastronomia, sui social media, da parte di docenti universitari e giornalisti. Alla fine oggi, 15 marzo 2017, si sono recati in biblioteca per fare una ricerca bibliografica sui testi che tocchino i vari aspetti di cui sopra per produrre una sorta di itinerario turistico su Catania che tocchi aspetti anche meno noti. Tale itinerario sarà pubblicato su un blog gestito dalla biblioteca stessa in cui confluiranno gli itinerari di tutte le città fatti dalle varie scuole.

 

 

Il 22 Febrraio 2017, i nostri studenti hanno incontrato l'autrice Silvana La Spina e hanno esaminato il suo ultimo romanzo " L'uomo che veniva da Messina" : hanno avuto la grande opportunità di intervistare l'autrice e di porle domande sulla lettura e sul processo creativo della scrittura.

 

Silvana La Spina: accenni sulla sua vita e le sue opere

Silvana La Spina é nata a Padova da padre siciliano e madre veneta. Ha pubblicato la raccolta di racconti, Scirocco e diversi romanzi: Morte a Palermo (La Tartaruga 1987, Baldini & Castoldi 1999; premio Mondello), L’ultimo treno da Catania (Bompiani 1992), Quando Marte è in Capricorno (Bompiani 1994), Un inganno dei sensi malizioso (Mondadori 1995), L’amante del paradiso (Mondadori 1997), Penelope (La Tartaruga 1998), La creata Antonia (Mondadori 2001), La continentale (Mondadori 2014). Sempre per Mondadori sono usciti i tre romanzi dedicati alle indagini del commissario Maria Laura Gangemi: Uno sbirro femmina (2007), La bambina pericolosa (2008) e Un cadavere eccellente (2011).

Il suo ultimo romanzo" L'uomo che veniva da Messina "

http://www.giunti.it/libri/narrativa/l-uomo-che-veniva-da-Messina/

Messina, 1479. Un uomo sta morendo nella sua casa, dopo aver vagato per mesi accompagnato da una bara con dentro una giovane donna. E' Antonello da Messina, il grande pittore siciliano, appena tornato da una Venezia flagellata dalla peste.
Antonello è famosissimo ormai. Ma la Sicilia non ama i suoi figli più geniali e Antonello lo sa. Per questo adesso, nel delirio finale, invoca il vecchio maestro Colantonio.
Quel delirio gli farà rivivere l'infanzia pezzente e l'incontro con i misteriosi artisti del Trionfo della Morte; lo porterà da una Napoli dominata dai cortigiani, come il Panormita e la bella Lucrezia, alla Roma dei cardinali cialtroni e delle puttane; dalla Mantova del Mantegna, alla Arezzo di Piero della Francesca. Da Bruges, dove finalmente scoprirà l'amore e persino il segreto della pittura a olio, a una Venezia che gli darà fama e gloria e l'amicizia coi Bellini.
Il romanzo - scritto in una lingua ora lucida ora appassionata - è anche l'affresco dell'epoca, crudele, affamata di gloria, dove domina l'Angelo della Morte.
Tanti sono i comprimari di questa vicenda, dai familiari meschini e sanguisughe, alla nana Nannarella morta per amore nei vicoli di Napoli; dall'aristocratica Volatrice e forse erede al trono di Sicilia, al buffone Cicirello; dai viceré scaltri, ai fanatici frati Osservanti, che scatenano a Messina rivolte contro il malgoverno.
Ma in quei viaggi una sola luce per Antonello: Griet, la figlia bastarda di Van Eych. E una sola ossessione: la pittura a olio dei fiamminghi.Un romanzo storico? Un romanzo picaresco e sulfureo? Un romanzo sull'arte o un romanzo sull'amore estremo?
Forse solo un romanzo su un uomo, Antonello, che fece della sua ambizione un'arma, della fame di carne e di femmine un'ossessione, della pittura uno strumento per durare in eterno

 

Il Liceo Scientifico " G.Seguenza", da anni, ospita l'associazione TESOL ( Teachers of English to Speakers of Other Languages)   per consentire lo svolgimento di attività di formazione, rivolte principalmente ai docenti di lingua inglese. Nell'ambito degli incontri previsti per il corrente anno, il 30 novembre si é tenuto un seminario volto a divulgare e a condividere con altri insegnanti l'importanza dei progetti europei previsti dal programma Erasmusplus. In particolare, le docenti interne del liceo ,Maria Cristina Lento e Maria Landi, hanno presentato il progetto KA2 "Handbook for RSP readers" che ha ottenuto il finanziamento ed é in fase di attuazione . Esso rientra nel quadro dei partenariati strategici e prevede la cooperazione tra vari paesi europei affinché si promuova lo scambio di buone pratiche, la produzione di opere d'ingegno e l'internazionalizzazione.

 

     

Login form:

Go to top